GIROVOGANDO 2024 A MONDELLO

GIROVOGANDO 2024 A MONDELLO

Il canottaggio costiero (coastal rowing) inizia e si sviluppa come veicolo di promozione turistica per il territorio grazie alla possibilità di organizzare tour trovando collocazione lungo le numerose spiagge. Questo nuova forma di canottaggio ha come pilastro fondamentale il rapporto, stretto e inscindibile, canottiere-mare-natura e, in una nazione come l’Italia caratterizzata da oltre settemila chilometri di coste, costituisce un’importante calamita per attirare nuovi utenti e potenziali interessati all’attività remiera turistica.

Condividendo integralmente il rapporto canottiere-mare-natura, nel 2021 sotto la guida di allenatori qualificati riconosciuti dalla Federazione, l’associazione sportiva dilettantistica Canottieri Mondello ha iniziato ad organizzare dei tour remo-turistici e gastronomici locali, adatti ad ogni esigenza, sia per piccoli che per numerosi gruppi, così da far vivere a questi un’esperienza indimenticabili tra le coste siciliane.

Da qui parte la concreta idea di aderire al progetto GIROVOGANDO e quindi organizzare l’edizione 2024.

—————————-

  • GIROVOGANDO IN SICILIA
    DA MONDELLO ALLE EGADI – LE ROTTE DEI ROMANI

La Canottieri Mondello asd organizzarerà il  tour settimanali con un minimo di adesioni di numero 30 pax nel mese di giugno 2024.

Il mese di giugno è caratterizzato da giornate calde con temperature che si assestano tra i 21°C e i 27°C. Il mese di giugno per i turisti in vacanza in Sicilia è un punto di forza. Il clima durante questo mese è semplicemente perfetto. Di giorno, al sole, c’è un tepore piacevole, e raramente si toccano temperature “tropicali” e gli oltre trenta gradi di agosto ancora non si fanno vedere! Di sera si può indossare una giacca o un maglioncino di cotone godendo anche della luce del sole fino a tardi. Giugno rappresenta il periodo dell’anno ideale per navigare nel mediterraneo, splendide giornate di sole ancora non afose e mare limpido accompagneranno i canottieri lungo il percorso.

—————————-

  • LA ROTTA
    DA MONDELLO ALLE EGADI – LE ROTTE DEI ROMANI

Il mare Mediterraneo, storico centro di scambi culturali ed economici tra i popoli che vi si affacciano, è disseminato di relitti che spesso ci restituiscono reperti unici per conoscere il nostro passato. Possiamo considerare i fondali del Mediterraneo come un gigantesco museo di archeologia marina.

Il tratto di mare della costa occidentale del golfo di Palermo (compreso tra l’Arenella e Capo Gallo) ha offerto negli anni innumerevoli elementi utili per approfondirne la storia e ampliare lo spettro delle conoscenze sulla città ed il suo territorio, comprese le zone dell’Acquasanta, Arenella e la baia di Mondello. Numerosi oggetti archeologici (anfore ed ancore in piombo) sono stati ritrovati nelle acque di Mondello, tra il 1950 e il 1980, qualcuno presente presso il Museo Archeologico “A. Salinas” di Palermo.

Già nei fondali di Punta Priola (circa 2 km dalla spiaggia di Mondello) sono stati trovati frammenti di anfore greco-italiche così come in zona Capo Gallo di anfore in terracotta. Nel golfo di Mondello a circa cento metri al largo dell’Antico Stabilimento Balneare, in direzione Nord-Est sono state ritrovate numerose stratificazioni riconducibili a numerose epoche.
Subito dopo nei siti di Capo Gallo e Isola delle Femmine sono stati ritrovati reperti (ceppo d’ancora) e una nave romana con 92 anfore (II sec. A.C.) e, continuando lungo il percorso, elementi fittili (Cinisi) e pani di bronzo e rame (Terrasini) e vasche per la preparazione del garum.

Ancora, reperti fossili sono stati ritrovati nel sito di Scopello dove a ridosso dei Faraglioni è stato creato un percorso archeologico e museo sommerso. A breve distanza S. Vito Lo Capo dove oltre a numerosi frammenti e anfore è possibile visitare un relitto di epoca romana, tra 15 e 19 metri di profondità.

Nella successiva tappa di Trapani, il relitto recuperato e musealizzato presso il Baglio Anselmi di Marsala, presenta ancora una parte della struttura lignea, anfore e materiali ferrosi.
Infine, l’area tra Favignana, Levanzo e Marettimo è stata teatro della Battaglia delle Egadi (241 a. C.), tra la flotta Romana e quella Cartaginese, la grande battaglia che ha posto fine alla Prima guerra Punica. I reperti, tra cui i rostri, anfore ed elmi dopo il restauro sono in mostra presso il Museo della Battaglia delle Egadi – Ex Stabilimento Florio, vero gioiello di archeologia industriale, nell’isola di Favignana.

Comunque, luogo di riferimento sulla lunga storia della navigazione che ha interessato la Sicilia, dalla Preistoria ai primi del Novecento è il Museo del Mare della Sicilia, con sede nei locali dell’Antico Arsenale della Marina Regia di Palermo (ex Arsenale Borbonico) in Palermo.

Al patrimonio culturale sommerso ne corrisponde sulla terra ferma un altrettanto prezioso e ricco, visitabile nelle strutture museali presenti nei corrispondenti siti.

(Collaboreranno: Fondazione Sebastiano Tusa (Palermo); Riserva Naturale Orientata Isola delle Femmine; Club Canottieri Roggero di Lauria; Lega Navale di Trapani.)

—————————-

  • NEL DETTAGLIO
    PROGRAMMA GIROVOGANDO

Day 1. Alle ore 18.00 a Mondello verrà offerto un aperitivo di benvenuto ai partecipanti. A seguire verrà presentato il programma settimanale con video ed immagini che arricchiranno la presentazione. Alle ore 20.30 si terrà la cena di benvenuto.

Day 2. La prima tappa partirà da Mondello, si percorreranno circa 30km fino a raggiungere la spiaggia di Terrasini dove verranno ormeggiate e messe in sicurezza le barche per la notte. A Terrasini si potrà visitare il museo regionale di storia naturale e mostra permanente del carretto Siciliano, il duomo di Terrasini situato nella piazza principale del paese e la Riserva Naturale “Capo Rama”.

Day 3. La seconda tappa partirà da Terrasini, si percorreranno circa 25km fino a raggiungere la spiaggia di Castellammare del Golfo dove verranno ormeggiate e messe in sicurezza le barche per la notte. A Castellammare del Golfo si potrà visitare il Castello Arabo Normanno, la Chiesa Madre detta “La Matrici” e le Torri Saracene.

Day 4. La terza tappa partirà da Castellammare del Golfo, si percorreranno solo 20km fino a raggiungere la spiaggia di San Vito lo Capo. Lungo il percorso si potranno apprezzare le bellezze naturali dei faraglioni di Scopello, la sua Tonnara e la lunga costa della riserva dello Zingaro. Nel corso della giornata in collaborazione con la Fondazione Sebastiano Tusa, sarà possibile visitare, in immersione guidata a 15/19 metri di profondità, un relitto di epoca romana.

Day 5. La quarta tappa partirà da San Vito lo Capo, si percorreranno circa 40 km fino a raggiungere il porto di Trapani dove verranno ormeggiate e messe in sicurezza le barche per la notte presso la lega navale Italiana Trapani. Con la tappa a Trapani ssarà possibile visitare la storica Cantina Florio di Marsala.

Day 6. La quinta tappa partirà da Trapani, si percorreranno circa 30 km fino a raggiungere Levanzo e infine il porto di Favignana dove verranno ormeggiate e messe in sicurezza le barche per la notte. A Favignana sarà possibile visitare la Villa Florio e l’ex stabilimento “Tonnara Florio”.

Day 7. La sesta ed ultima tappa partirà da Favignana, si percorreranno circa 30km fino a raggiungere la riserva dello stagnone, passando dall’ isola di Mozia ed infine il porto di Marsala dove si concluderà il nostro tour.

 

Per ricevere maggiori informazioni inviare una mail a canottierimondello@gmail.com

 

Potrebbero interessarti anche...